Consiglio d'Istituto

Il Consiglio d’istituto è eletto da tutte le componenti della comunità scolastica chiamate a farne parte, ciascuna per la propria rappresentanza, con le modalità previste dal regolamento dell’istituzione.
Il Consiglio resta in carica tre anni.
Nello specifico il nostro Consiglio è costituito dal Dirigente Scolastico, da 8 docenti, 4 genitori, 4 alunni e due rappresentanti del personale A.T.A.
Ad esso spettano le competenze generali in materia di indirizzi gestionali ed educativi e di programmazione
economico finanziaria:

  • definire gli indirizzi generali per le attività anche in relazione ai rapporti con il contesto territoriale;
  • adottare il POF dell’istituzione scolastica, elaborato dal collegio dei docenti, verificandone la rispondenza agli indirizzi generali e alle compatibilità con le risorse umane e finanziarie disponibili;
  • approvare l’adesione della scuola ad accordi in coerenza con il pof;
  • determinare i criteri per l’utilizzazione delle risorse finanziarie, comprese quelle acquisite perl’attuazione di progetti promossi e finanziati con risorse a destinazione specifica;
  • approvare i documenti contabili fondamentali.

Inoltre, come disciplinato dal regolamento di contabilità, DM 44/2001, nelle attività negoziali svolge le seguenti funzioni:

  • accettazione e alla rinuncia di legati, eredità e donazioni;
  • costituzione o compartecipazione a fondazioni; all'istituzione o compartecipazione a borse di studio;
  • accensione di mutui e in genere ai contratti di durata pluriennale;
  • contratti di alienazione, trasferimento, costituzione, modificazione di diritti reali su beni immobili appartenenti alla istituzione scolastica, previa verifica, in caso di alienazione di beni pervenuti per effetto di successioni a causa di morte e donazioni, della mancanza di condizioni ostative o disposizioni modali che ostino alla dismissione del bene;
  • adesione a reti di scuole e consorzi;
  • utilizzazione economica delle opere dell'ingegno;
  • partecipazione della scuola ad iniziative che comportino il coinvolgimento di agenzie, enti, università, soggetti pubblici o privati;
  • eventuale individuazione del superiore limite di spesa di cui all'articolo 34, comma;
  • acquisto di immobili.

Al consiglio spettano, nell’ambito del regolamento d’istituto, le deliberazioni relative alla determinazione dei criteri e dei limiti per lo svolgimento, da parte del dirigente, delle seguenti attività negoziali:

  • contratti di sponsorizzazione;
  • contratti di locazione di immobili;
  • utilizzazione di locali, beni o siti informatici, appartenenti alla scuola, da parte di soggetti terzi;
  • convenzioni relative a prestazioni del personale della scuola e degli alunni per conto terzi;
  • alienazione di beni e servizi prodotti nell'esercizio di attività didattiche o programmate a favore di terzi;
  • acquisto ed alienazione di titoli di Stato;
  • contratti di prestazione d'opera con esperti per particolari attività ed insegnamenti;
  • partecipazione a progetti internazionali.

 

Informazioni aggiuntive